05December2020

gerenzanoforum.it

La piazza di Gerenzano dal 2002

You are here: Home Storie I nostri poeti STAND BY ME - ricordo di un’estate

STAND BY ME - ricordo di un’estate

Se qualcuno di voi in passato è stato bambino, sa che racconti semplici come questo avranno sempre un posto speciale tra i ricordi.

Se qualcuno di voi non ha dimenticato con quali luci e profumi vibra il mondo quando si hanno meno di dieci anni, c’è una possibilità per i bambini di oggi e di domani che questo continui a succedere.

Era un’estate alla fine degli anni ’80… non avevo ancora dieci anni e, per questo, quel che la memoria trattiene di quella giornata galleggia sospeso tra sogno e realtà.

Un gruppo di ragazzini con scarpe da tennis, pantaloni della tuta e zainetto si preparano a lasciare le loro case per compiere un viaggio avventuroso che li condurrà dal condominio “Stella” di via Clerici alla Cascina Soccorso.

L’entusiasmo è alto, la voglia di mettersi in marcia si fa sentire e così si parte, fantasticando su quel che ci attende una volta abbandonata la strada asfaltata. Già… perché la parte più divertente di questa odissea sarà attraversare il fontanile San Giacomo e i campi che dividono (o uniscono - a seconda del punto di vista) Gerenzano e Uboldo.

Ci aspettano liane, fate e gnomi, insetti terribili e magnifiche farfalle. Ci aspettano chilometri e chilometri di cammino con almeno mille soste per bere quel che nonni e genitori hanno infilato nel provvidenziale zaino. Ci aspettano momenti difficili perché, durante viaggi simili, c’è sempre qualcuno che ha bisogno di un sorriso per andare avanti. L’epica studiata nei successivi anni di scuola non sarà nulla al confronto di questo.

Non saprei parlarvi di episodi precisi avvenuti durante quest’impresa. Ricordo la voglia di arrivare alla meta e le risate quando qualcuno è cascato nel fontanile tentando un attraversamento su un immaginario ponte sospeso. Ricordo la curiosità di vedere da vicino gli animali da cortile e le mucche, la gioia e la soddisfazione di mangiare il pranzo al sacco.

Era pura voglia di scoprire, di conoscere, di crescere. E di farlo insieme, con il sostegno e la pazienza di una guida sicura: Pier Angelo Pedersini.

Queste foto e ciò che quest’esperienza ha lasciato in me, filtrata da molti anni e da altre avventure, sono il mio modo di ringraziare Pier (anzi “IL PIER”) e i miei compagni di viaggio, ormai in cammino su strade diverse.

Spero, un giorno, di poter ringraziare anche chi avrà impedito la costruzione della tangenzialina, preservando il magico scenario di questo ricordo.

Sara De Palo

Circa 2006