25September2020

gerenzanoforum.it

La piazza di Gerenzano dal 2002

You are here: Home Storie Storia di Gerenzano Gian Piero Clerici, eroe dimenticato

Gian Piero Clerici, eroe dimenticato

La nostra scuola elementare e' dedicata a Giampiero Clerici. Nell'atrio della scuola, ben in vista, c'e' un bellissimo quadro (non mi meraviglerei fosse di un pittore famoso)

dedicato al "Tenente Giampiero Clerici, nato nel 1892, morto nel 1917 in combattimento nel cielo di Flumignano"
Una seconda scritta sull'aereo recita: Ca3 2387, Oltremare.
 
Chi era Giampiero Clerici?
All'anagrafe del comune di Gerenzano nel registro del 1892 si legge:

Numero 48,  Clerici Gian-Pietro Paolo Luigi.

L'anno 1892 addi' 20 di Luglio a ore antemeridiane 8, nella casa comunale davanti a me Porro Giuseppe Assessore Municipale, uffiziale dello stato civile del Comune di Gerenzano, e' comparso il Nobile signor Giorgio Clerici di anni 28, possidente domiciliato in Milano, il quale mi ha dichiarato che alle ore pomeridiane 11 minuti trenta del di' 18 del corrente mese, nella casa posta in via Vittorio Emanuele al numero 18 (l'attuale municipio n.d.r.) dalla propria moglie signora Giuditta Motta, d'anni 22, capitalista, seco lui convivente, e' nato un bambino di sesso maschile che egli mi presenta e a cui da' i nomi di Gian-Pietro Paolo Luigi.

A quanto sopra sono stati presenti quali testimoni Clerici Don Paolo di anni 29, possidente e Gialdroni Luigi di anni 32, agente entrambi residenti in questo comune.
Letto il presente atto agli intervenuti l'hanno questi meco sottoscritto.
Giorgio Clerici, padre
Clerici Paolo, testimone
Gialdroni Luigi, testimone
Porro Giuseppe, Ufficiale
 
Ora che sappiamo dove nacque possiamo, grazie alle scritte sul quadro delle scuole elementari, capire quello che fece in vita.  Molto probabilmente i suoi primi anni di vita li passo' studiando a Milano e vivendo con i genitori nel palazzo di via Vittorio Emanuele (l'attuale municipio) a Gerenzano durante le vacanze estive. Ebbe una sorella, Henriette ed un fratello, Don Carlo, entrambi nati a Gerenzano. Studio' da ufficiale dell'aviazione e si arruolo' durante la prima guerra mondiale. Tenentino di 25 anni mori' in combattimento nei cieli di Flumignano, Friuli.  Pilotava un aereo Caproni dal nome esotico: Oltremare.

La sua fama resto' nell'aria per parecchi anni. Gli dedicarono il campo d'aviazione di Cinisello Balsamo i cui lavori per la sua costruzione furono eseguiti tra il 1915 e il 1916. Dopo il primo conflitto mondiale il campo prese la denominazione di "Campo di aviazione Giampiero Clerici" in memoria del nostro eroico aviatore caduto in combattimento. Nel 1931 il campo cessò di funzionare ed al suo posto si uso' Bresso denominato "Campo Breda".
 
Con queste scarne informazioni  abbiamo ricostruito la vita pubblica e familiare di un "ragazzo eroe" dimenticato. Ora il tenente Giampiero Clerici ha il posto che gli compete nell'albero genealogico della famiglia Clerici di Cavenago (nobili che vissero a Gerenzano a cavallo del 1900), dove inspiegabilmente non c'era.
Una nuova tassera di un puzzle affaschinante quale puo' essere la nostra storia e' stato collocato al suo posto.
 
Pier Angelo Gianni

 

Scheda Tecnica: Caproni Ca.3 - Ca.450hp - Ca.33
Biplano trimotore da bombardamento
Anno di Costruzione: 1916
Progettista: Gianni Caproni
Equipaggio n. 3
Apertura  alare: mt. 22,74
Lunghezza: mt. 11,05
Altezza: mt. 3,70
Superficie alare: mq  95,64
Motori: 3 Motori Isotta-Fraschini V4B da 150 Cv.
Peso max : 3800 kg.
Peso a secco: 2300 kg.
Carico utile: 1500 Kg
Armamento: 2 mitragliatrici da 6,5 mm

Velocita’ max 140 km/h a bassa quota
Tangenza prat.: 4800 mt.
Autonomia: 4h.
Produzione: 270 esemplari