06December2021

gerenzanoforum.it

La piazza di Gerenzano dal 2002

You are here: Home Storie Aksai news La stazione di Aksai ed il silos

La stazione di Aksai ed il silos

Aksai, Maggio 2003 - Domenica pomeriggio, dopo l'orario di lavoro, ho deciso di raggiungere a piedi il vecchio silos che si trova nei pressi della stazione ferroviaria.

Data l'ora pomeridiana, la stazione era quasi vuota. I pochi viandanti erano indaffarati a chiedere informazioni alla cassa ed un gatto sonnecchiava sul davanzale della finestra della sala d'aspetto. Un locomotore faceva manovra organizzando in lunghi convogli le cisterne di petrolio. Due vecchi contadini camminavano lungo la ferrovia per chissa' dove. 
Il panorama di Aksai  e' marcato dalla presenza ingombrante di un vecchio silos per granaglie dell'era sovietica. Secondo i racconti degli abitanti di Aksai il silos apparteneva ad un programma sovietico degli anni '60 per la trasformazione della steppa in campi di grano.
Per molti anni l'Unione Sovietica ha importato grano dal Canada e dagli Stati Uniti e questo progetto avrebbe dovuto risolvere tale problema alla radice. Pianificarono l'intervento, costruirono silos (quello di Aksai e' uno dei tanti), portarono macchinari agricoli e aereoplani per irrorare i campi di pesticidi (all'areoporto di Uralsk ce ne sono a decine abbandonati) ma, da quello che mi risulta, in zona non ci sono campi coltivati. I kazakhi sono per tradizione pastori nomadi e la steppa e' rimasta tale dopo l'indipendenza da Mosca. Archeologia industriale e sociale.
GPA