23April2017

gerenzanoforum.it

La piazza di Gerenzano dal 2002

You are here: Home Storie Dialetto L'arbusel

L'arbusel

Al de d'incoeu in tanti i mèzi
par pudè fa una comunicazion:

ul telefun, ul citofun,
la radio, la television.
Ma una oeulta, pa parlà giò in ca'
l'unic mezu l'era quel
te duueva vusà giò da l' arbusel.
L'arbusel, un bus in dul sufit
tra la stanza e la cà
l'era l'unic mezu par pudè parlà.
Qunad te seua da sura e te truuua no ul panet
o in di culzon gh'era bus i sachet
se la camisa l'era rusciaà
o i scalfarot eran bus e rot
opur s'era strengiuu i mudant
e te truuaua no i tirant
par qualsiasi roba c'andaua minga ben
par fagal sauèe ala masera
l'unic mezu l'era quel:
te duueva vusà gioeu da l'arbusel.
 
               Mauro Pagani di Cislago

Mauro Pagani, ha lasciato un "vivo" ricordo al suo paese con la sua semplicità e una vita vissuta quasi "in punta di piedi" ma con una grande generosità verso il suo amato paese.
Con le poesie daialettali donate alla ProLoco aventi lo scopo scelto da lui, il restauro della chiesa di S.Maria, possiamo considerare Mauro Pagani come primo benefattore.
Ci sarebbe piaciuto fosse presente all'inaugurazione per la fine del restauro, invece ci troviamo a scrivere di lui per ricordarlo.
Il consiglio della ProLoco lo ricorda pubbliando una delle sue poesie che sono confluite nel volume "Zuchi e melon la su stagion".
 
Abramo Morandi- addetto stampa Pro.Loco islago circa 2006