24September2017

gerenzanoforum.it

La piazza di Gerenzano dal 2002

You are here: Home Storie Storia di Gerenzano Salviamo il prato di San Giacomo a Gerenzano

Salviamo il prato di San Giacomo a Gerenzano

Questa petizione al Sindaco di Gerenzano ha lo lo scopo di supportare la mia osservazione al PGT affinché sia conservato il prato retrostante la chiesa di San Giacomo

ora identificata nel piano dei servizi nella revisione del PGT in corso come “spazi per il parcheggio funzionali alla fruizione della chiesa di San Giacomo con accesso dalla via San Giacomo” e “spazi di sosta, nella porzione più interna dedicati all'utilizzo della nuova costruzione”.

PER ADERIRE: https://www.change.org/p/sindaco-di-gerenzano-salviamo-il-prato-di-san-giacomo-a-gerenzano

L'area che Vi segnalo e che, secondo me, andrebbe tutelata, si trova sul retro della chiesa di San Giacomo, monumento nazionale e dell'omonima cascina. E' un prato di proprietà privata che confina ad est con via San Giacomo, a nord con la cascina San Giacomo a sud con una strada privata e ad ovest con le recinzioni di case unifamiliari.

Il prato fa parte del Piano di Lottizzazione numero 7 (PL7) in cui si è pianificato di collocare una serie di costruzioni e, in particolare, un parcheggio pubblico proprio sul retro della cascina e della chiesa.

Sottopongo alla Vostra attenzione questa petizione perché ritengo che il monumento in oggetto, di rilevanza nazionale, rivesta molta importanza per l'identità della nostra comunità e perché il terreno in oggetto potrebbe conservare resti del nostro passato di rilevanza archeologica.

A dimostrazione di quanto esposto e dell'importanza del sito, riporto una breve descrizione della chiesetta di San Giacomo tratta dal volume: La Chiesetta di San Giacomo in Gerenzano, Paolo Biscottini - Maria Antonietta Crippa, 1989.

"La chiesa di San Giacomo fu edificata fuori dall'abitato di Gerenzano, nei pressi della strada che collega Milano con Varese, in terreni agricoli con tratti boschivi. Oggi questo monumento di piccole dimensioni ha un grande significato per il paese, che trova in esso la sua più leggibile ed attraente testimonianza storico - artistica, il punto nevralgico quindi della memoria di una propria identità culturale."

"Sul suo territorio (Gerenzano), fra il XV e il XVI secolo, estesero il loro dominio i nobili milanesi da Fagnano o Fagnani possessori di terre anche della vicina Cislago. A loro, più precisamente ad un Giacomo Fagnano, è stata fino ad ora attribuita la costruzione di San Giacomo Apostolo, individuando come riferimento cronologico il primo decennio del XVI secolo. 

Alla chiesa è addossata una costruzione a più piani, un tempo casa del cappellano, poi casa colonica e attualmente abitazione privata. Ad alcuni elementi di quest'ultima, quali la notevole consistenza dei muri e delle colonne in pietra del portico ad archi di conformazione arcaica, è forse legata la supposizione che alle costruzioni del XVI secolo preesistesse un nucleo abitato, probabilmente dotato di cappella con campanile (quello ancora oggi esistente) e quindi a destinazione conventuale. 

Non ho fino ad ora trovato documenti anteriori al XVI secolo. Non posso che limitarmi dunque ad avanzare interpretazioni cronologiche sulla base di una accurata lettura dei caratteri costruttivi e stilistici del complesso. Certamente molto antica, ma difficilmente databile, è la costruzione ad uso civile con porticato, addossato alla chiesetta."

"Si può supporre che i Fagnano abbiano operato in più fasi, tra la fine del quattrocento e la prima metà del cinquecento , su una costruzione preesistente, probabilmente trecentesca". (omissis)

"Interessanti inoltre sono alcune segnalazioni, nel 1747, (omissis..);

in tutte le visite si parla di un sepolcro, probabilmente della famiglia dei Fagnani, e nelle prime due visite, di una bradella mulieris o bradella mulierum forse resto, come già s'è osservato, di una comunità monastica femminile" Maria Antonietta Crippa, 1989.

Il terreno oggetto di questa petizione è il residuo di un più ampio appezzamento denominato in una mappa del 1587 come "giardino della gexia (chiesa?)" e sembrerebbe parte della proprietà del monastero, come del resto è riportato nella mappa del catasto teresiano dell'anno 1722.

E' probabile che in epoca conventuale questo prato sia stato adibito a cimitero dai monaci o dalle monache oppure ci siano state delle pertinenze del monastero antico, dunque potrebbe rivestire rilevanza dal punto di vista archeologico.

Infine vorrei ricordare la valenza paesaggistica del prato che oramai è l'ultimo relitto di un panorama banalizzato su più lati delle recenti costruzioni e recinzioni.

Grazie per la vostra collaborazione e partecipazione.

Pier Angelo Gianni