21April2019

gerenzanoforum.it

La piazza di Gerenzano dal 2002

You are here: Home Immagini Ambiente & territorio Sotto il campanile di Gerenzano (senza campane)
sagrato della chiesa di gerenzano con la pioggia sagrato della chiesa di gerenzano con la pioggia
20 November 2013 Written by 

Sotto il campanile di Gerenzano (senza campane)

 Gerenzano, 26 Novembre 2003 - Il campanile di Gerenzano e' senza campane.

Problemi di manutenzione straordinaria al campanile ed alle campane stesse hanno indotto la parrocchia a lasciarci senza il bel suono delle nostre campane fino a lavori ultimati. Le novita' costringono a guardarci attorno con occhi nuovi e vedere quello che spesso distrattamente e per abitudine non si nota neanche piu'.

La via dell'oratorio senza auto permette alla gente di fermarsi a chiacchierare sotto il campanile. Frettolosi viandanti transitano in prossimita' del sagrato della chiesa, abbellita dalla luce soffusa che solo una giornata piovosa puo' dare. Finalmente la qualita' dei materiali usati per il sagrato e l'accuratezza della loro messa in opera e' compatibile con la bellezza della facciata della nostra chiesa (ma quanto ci e' costato in termini di costi aggiuntivi, tempo e bile?.....e non e' ancora finita!).

La cooperativa vive una agonia che si protrae da anni. Dopo la chiusura del bar vedremo anche quella della Despar e della Macelleria? Eppure e' una bella costruzione che, restaurata e resa viva da nuovi negozi e bar, ridarebbe importanza e decoro alla piazza. Il solito inutile ed antiestetico tabellone del comune occlude la vista della facciata della chiesa. Le foglie sul prato del giardinetto danno una bella pennellata di colori autunnali alla piazza ma sono indice di trascuratezza. Il giardinetto e' il nostro biglietto da visita. Perche' non tenerlo pulito ed abbellirlo con un roseto e tanti fiori?

GPA.

 

 

 



Redazione

GERENZANOFORUM è una piazza virtuale ideata per promuovere il dialogo tra le persone e esporre temi di interesse per i cittadini di Gerenzano.

Website: www.gerenzanoforum.it

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

Perchè noi

  • Novità

  • Ode alla vita

  • Piccola guida

La secchia perduta e ritrovata. La secchia perduta e... 2016-02-20 - Circa un anno fa ho scritto di un ritrovamento a... More detail
La Casa del Popolo di Gerenzano La Casa del Popolo di... 2015-03-23 - Gerenzano, 21 marzo 2015 - Oggi, mia cugina mi... More detail
Il mulino della Girola Il mulino della Giro 2015-01-21 - Gerenzano 20 gennaio 2015 - Dopo aver visto le foto... More detail

Sample photo....Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi
non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde
quando gli chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di
respirare.

Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una
splendida felicità.

Martha Medeiros

Read more

Sample photoErri De Luca: Onore ai poeti che aiutano a vivere -Tratto da “Il Mattino”, 13 settembre 2002

Quando c’è poco tempo e bussano alla porta, battono la città con artiglieria, quando brucia, quando sei solo in un letto d’ospedale, quando arrivi troppo tardi, quando ti mancano le parole e il fiato è corto, allora la poesia, una, prende il tuo posto, prende la tua mano che non ci arriva: e arriva.

Negli assedi, nelle prigioni, nelle cantine su pezzi di carta di fortuna si scrivono poesie. Il partigiano jugoslavo Ante Zemliar ne scriveva durante la guerra in montagna contro i nazifascisti. Le scriveva su quaderno. In sua assenza i compagni la trovarono e con la carta fecero sigarette. Non c’era molto per fumare e Ante sa che anche così le sue poesie hanno avuto respiro. Il partigiano Zemliar dopo la guerra vinta ha fatto cinque anni di prigionia nella colonia penale di Tito, Goli Otok, isola nuda. Anche lì scriveva poesie con un pezzetto di carbone nell’unghia su pezzi di cartone, di nascosto. Nel ghetto di Lotz nel 1943 Isaia Spiegel scriveva nel suo yiddish braccato: "Il mio corpo è un pane/calato in un calice di sangue"

Read more