22October2019

gerenzanoforum.it

La piazza di Gerenzano dal 2002

You are here: Home Immagini Corti La Colombera di Gerenzano
La corte del Ratel La corte del Ratel
18 November 2013 Written by 

La Colombera di Gerenzano

La Colombera di Gerenzano è quasi sconosciuta. Si trova nella corte del "Ratel", proprio di fronte al Comune.

Questa corte è tra le più antiche e nell'angolo destro, entrando dal portone principale di via Duca degli Abruzzi, si vede una costruzione sopraelevata rispetto alle cascine ed alle case. E' una torre medioevale, l'unica di Gerenzano.

Dalla torre si poteva controllare chi entrava ed usciva dal borgo medioevale attraverso una porta che forse di sera veniva chiusa. Infatti, oltre il portone (attualmente rivolto verso i giardini) avrebbe dovuto esserci un fossato (attuale via Roma) che recingeva tutto il paese.  I nostri vecchi dicevano che il fossato serviva per tenere fuori dall'abitato le "bestie", ma non solo. Il fossato e la porta chiusa tenevano alla larga anche i ladri, i vagabondi e le bande di sbandati.

Dalla porta del cortile doveva partire una strada importante che congiungeva Gerenzano Appiano Gentile, passando per Turate, Cascina Piatti, Restelli, Limido e Lurago. Gerenzano ha avuto sempre a che fare con Appiano Gentile perché c'era un legame di interdipendenza tra le due chiese ed una competizione fortissima per il primato  fino a scapparci addirittura un morto. Un "preposto" di Appiano  Gentile venne ucciso a Gerenzano alla fine del '500 da ignoti.

La parte del cortile che interessa la Colombera e le cascine limitrofe è rimasta per il momento intatta. Sembra che il tempo si sia fermato. Ma non le intemperie. Il tetto della colombera è sfondato e nessuno ha interesse a ripararlo.  Le cascine sono un bel boccone per interventi senza memoria (si pensi come si sta costruendo nella corte della Pesa). Gli spazi acquistati come sottotetti, una volta rimessi a posto in qualche modo,  sono venduti molto spesso come appartamenti a prezzi salatissimi.

Si possono fare interventi  redditizi anche preservando il contesto storico ed estetico del luogo. Anzi, preservare la forma ed i volumi valorizza le abitazioni. A Londra  le stalle usate per i cavalli e le carrozze fino agli inizi del secolo scorso sono diventate abitazioni alla moda con prezzi esorbitanti. Perché non intervenire anche da noi con un pizzico di cultura e di buona architettura e non solo pensando a massimizzare le volumetrie?

P.A. Gianni (circa 2003)

Alcune fotografie della torre scattate nel 2003

 

 

 



Redazione

GERENZANOFORUM è una piazza virtuale ideata per promuovere il dialogo tra le persone e esporre temi di interesse per i cittadini di Gerenzano.

Website: www.gerenzanoforum.it

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

Perchè noi

  • Novità

  • Ode alla vita

  • Piccola guida

La secchia perduta e ritrovata. La secchia perduta e... 2016-02-20 - Circa un anno fa ho scritto di un ritrovamento a... More detail
La Casa del Popolo di Gerenzano La Casa del Popolo di... 2015-03-23 - Gerenzano, 21 marzo 2015 - Oggi, mia cugina mi... More detail
Il mulino della Girola Il mulino della Giro 2015-01-21 - Gerenzano 20 gennaio 2015 - Dopo aver visto le foto... More detail

Sample photo....Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi
non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde
quando gli chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di
respirare.

Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una
splendida felicità.

Martha Medeiros

Read more

Sample photoErri De Luca: Onore ai poeti che aiutano a vivere -Tratto da “Il Mattino”, 13 settembre 2002

Quando c’è poco tempo e bussano alla porta, battono la città con artiglieria, quando brucia, quando sei solo in un letto d’ospedale, quando arrivi troppo tardi, quando ti mancano le parole e il fiato è corto, allora la poesia, una, prende il tuo posto, prende la tua mano che non ci arriva: e arriva.

Negli assedi, nelle prigioni, nelle cantine su pezzi di carta di fortuna si scrivono poesie. Il partigiano jugoslavo Ante Zemliar ne scriveva durante la guerra in montagna contro i nazifascisti. Le scriveva su quaderno. In sua assenza i compagni la trovarono e con la carta fecero sigarette. Non c’era molto per fumare e Ante sa che anche così le sue poesie hanno avuto respiro. Il partigiano Zemliar dopo la guerra vinta ha fatto cinque anni di prigionia nella colonia penale di Tito, Goli Otok, isola nuda. Anche lì scriveva poesie con un pezzetto di carbone nell’unghia su pezzi di cartone, di nascosto. Nel ghetto di Lotz nel 1943 Isaia Spiegel scriveva nel suo yiddish braccato: "Il mio corpo è un pane/calato in un calice di sangue"

Read more