16September2019

gerenzanoforum.it

La piazza di Gerenzano dal 2002

You are here: Home Immagini Corti Requiem per il Baraja
La demolizione dellosteria del Baraja nel gennaio 2004 La demolizione dellosteria del Baraja nel gennaio 2004

Gerenzano 11 Gennaio 2004 - Anche l'osteria del Baraja se ne e' andata. Sono bastate quattro spallate di una grossa ruspa per portarsi via piu' di duecento anni di storia.

Gli ultimi a ricordarsi l'osteria ancora funzionante sono i cinquantenni di Gerenzano. Il Baraja, assieme alla Nineta, Nisela, Castelli, Cavalin, Circolo, Cooperativa ed al Nineau erano le nostre osterie, luoghi di incontro di una societa' contadina ed operaia che concepiva il divertimento come un bicchiere di vino rosso ed una partita a scopa.

In particolare l'osteria del Baraja era un residuo di vita ottocentesca. Un bancone spoglio, quattro tavoli con sedie di paglia, il caffe' fatto con la "calderina", la proprietaria che cucinava, stirava, allevava i figli nell'osteria (e' quello che vagamente mi ricordo). Un fatto di sangue agli inizi degli anni sessanta, il primo a memoria d'uomo e l'ultimo da quel giorno, ha segnato anche la sua chiusura. All'interno dell'osteria  un calabrese uccise un parente di una ragazza di Gerenzano che corteggiava. A quei tempi un "matrimonio misto" era impensabile ed il "polentone" lo fece capire in malo modo al "terrone". Il calabrese rifiutato e ferito nell'onore reagi' con un coltello conficcato nella pancia di chi ostacolava il suo amore. Poi fuggi' nei boschi. Mi ricordo ancora la caccia all'uomo. Poi il processo e non so' quanti anni di prigione. Un vecchio film in bianco e nero come "Rocco e i suoi fratelli".

Dopo la chiusura arrivo' lo Zaffaroni che la trasformo' in falegnameria. Odore di legno, rumore di "bindella", cataste di legni di tutti i tipi, infissi, porte e finestre, segatura. Un mondo artigianale anch'esso scomparso per sempre. Poi il degrado totale. L'osteria del Baraja e' rimasta muta per decenni fino all'epilogo doloroso: la demolizione.

Non siamo stati in grado di valorizzarla, come pure il nostro cento storico. Dovremmo porci una domanda: come vogliamo sia la Gerenzano del terzo millennio?

La vogliamo come Gerenzano/Quarto Oggiaro o Gerenzano/Gerenzano?

A voi la risposta.

P.A. Gianni  

Alcune fotografie dellosteria

 

 

 

 

                                                                        



Redazione

GERENZANOFORUM è una piazza virtuale ideata per promuovere il dialogo tra le persone e esporre temi di interesse per i cittadini di Gerenzano.

Website: www.gerenzanoforum.it

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

Perchè noi

  • Novità

  • Ode alla vita

  • Piccola guida

La secchia perduta e ritrovata. La secchia perduta e... 2016-02-20 - Circa un anno fa ho scritto di un ritrovamento a... More detail
La Casa del Popolo di Gerenzano La Casa del Popolo di... 2015-03-23 - Gerenzano, 21 marzo 2015 - Oggi, mia cugina mi... More detail
Il mulino della Girola Il mulino della Giro 2015-01-21 - Gerenzano 20 gennaio 2015 - Dopo aver visto le foto... More detail

Sample photo....Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi
non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde
quando gli chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di
respirare.

Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una
splendida felicità.

Martha Medeiros

Read more

Sample photoErri De Luca: Onore ai poeti che aiutano a vivere -Tratto da “Il Mattino”, 13 settembre 2002

Quando c’è poco tempo e bussano alla porta, battono la città con artiglieria, quando brucia, quando sei solo in un letto d’ospedale, quando arrivi troppo tardi, quando ti mancano le parole e il fiato è corto, allora la poesia, una, prende il tuo posto, prende la tua mano che non ci arriva: e arriva.

Negli assedi, nelle prigioni, nelle cantine su pezzi di carta di fortuna si scrivono poesie. Il partigiano jugoslavo Ante Zemliar ne scriveva durante la guerra in montagna contro i nazifascisti. Le scriveva su quaderno. In sua assenza i compagni la trovarono e con la carta fecero sigarette. Non c’era molto per fumare e Ante sa che anche così le sue poesie hanno avuto respiro. Il partigiano Zemliar dopo la guerra vinta ha fatto cinque anni di prigionia nella colonia penale di Tito, Goli Otok, isola nuda. Anche lì scriveva poesie con un pezzetto di carbone nell’unghia su pezzi di cartone, di nascosto. Nel ghetto di Lotz nel 1943 Isaia Spiegel scriveva nel suo yiddish braccato: "Il mio corpo è un pane/calato in un calice di sangue"

Read more