22November2017

gerenzanoforum.it

La piazza di Gerenzano dal 2002

You are here: Home Immagini Ambiente & territorio Il mulino della Girola

Gerenzano 20 gennaio 2015 - Dopo aver visto le foto della cisterna che Maurizio ha intelligentemente scattato più di 25 anni fa mi è ritornato in mente di aver visto qualche anno fa qualcosa che poteva essere collegato alla cisterna.

 

Sono andato da Achille Bonacina, il restauratore che abita nella prima casa sulla strada della cascina Soccorso e gli ho mostrato le foto. Lui si ricordava del ritrovamento e mi disse che gli addetti ai lavori decisero che non ne valeva la pena conservare il manufatto.  Poi mi portò in cortile e mi mostrò due grossi blocchi di serizzo con un incavo sulla faccia superiore (vedi le due foto). Sono due grosse macine per granaglie. Una, mi disse, fu ritrovata durante lo scavo per la posa della fibra ottica vicino alla rotonda per andare alla Girola (praticamente dove c'era la cisterna) e la seconda  nella corte di fronte alla pizzeria Urgada in Via Italia a Uboldo. 

Secondo me la cisterna e i due blocchi di serizzo sono due tessere dello stesso puzzle: un mulino antico, romano o medievale, questo non lo sapremo se non facendo delle ulteriori ricerche. 

Vediamo con la fantasia e qualche nozione di idraulica di ricostruire il mulino (che ora chiameremo della Girola). 

Il fontanile di San Giacomo forniva l'acqua che veniva convogliata con una condotta fino alla cisterna del mulino della Girola .  L'uso della cisterna era indispensabile perché la quantità di acqua era poca e il salto dell'acqua insufficiente per far funzionare efficientemente il mulino. Questo accumulo di acqua ne garantiva un rifornimento costante. Dunque di notte la cisterna si riempiva, di giorno il mugnaio apriva le paratie per far fluire violentemente l'acqua sulle pale di una ruota collegata ad un lungo perno con dei “saltarelli”. Collegati a questi saltarelli c'era una batteria  di pali che alla loro estremità avevano un pestello di legno che si muoveva ritmicamente su e giù polverizzando negli incavi conici delle macine il grano o altri cereali. Il mugnaio raccoglieva la farina prodotta da questo pestare continuo e la sostituiva con altro grano.  

Questo metodo è ancora più antico della macina orizzontale di pietra che si trovava nei mulini medioevali. Un metodo simile lo si vede ancora in alcuni remoti paesi della Cina o dell'Africa. Vi consiglio di vedere in youtube questo stupendo video   https://www.youtube.com/watch?v=PueYywpkJW A 8 . 2 minuti e 33 secondi si vede come doveva funzionare il mulino della Girola.

Pierangelo Gianni

MACINA TROVATA ALLA GIROLA

MACINA TROVATA NEL CENTRO DI UBOLDO

 



Redazione

GERENZANOFORUM è una piazza virtuale ideata per promuovere il dialogo tra le persone e esporre temi di interesse per i cittadini di Gerenzano.

Website: www.gerenzanoforum.it

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

Perchè noi

  • Novità

  • Ode alla vita

  • Piccola guida

La secchia perduta e ritrovata. La secchia perduta e... 2016-02-20 - Circa un anno fa ho scritto di un ritrovamento a... More detail
La Casa del Popolo di Gerenzano La Casa del Popolo di... 2015-03-23 - Gerenzano, 21 marzo 2015 - Oggi, mia cugina mi... More detail
Il mulino della Girola Il mulino della Giro 2015-01-21 - Gerenzano 20 gennaio 2015 - Dopo aver visto le foto... More detail

Sample photo....Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi
non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde
quando gli chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di
respirare.

Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una
splendida felicità.

Martha Medeiros

Read more

Sample photoErri De Luca: Onore ai poeti che aiutano a vivere -Tratto da “Il Mattino”, 13 settembre 2002

Quando c’è poco tempo e bussano alla porta, battono la città con artiglieria, quando brucia, quando sei solo in un letto d’ospedale, quando arrivi troppo tardi, quando ti mancano le parole e il fiato è corto, allora la poesia, una, prende il tuo posto, prende la tua mano che non ci arriva: e arriva.

Negli assedi, nelle prigioni, nelle cantine su pezzi di carta di fortuna si scrivono poesie. Il partigiano jugoslavo Ante Zemliar ne scriveva durante la guerra in montagna contro i nazifascisti. Le scriveva su quaderno. In sua assenza i compagni la trovarono e con la carta fecero sigarette. Non c’era molto per fumare e Ante sa che anche così le sue poesie hanno avuto respiro. Il partigiano Zemliar dopo la guerra vinta ha fatto cinque anni di prigionia nella colonia penale di Tito, Goli Otok, isola nuda. Anche lì scriveva poesie con un pezzetto di carbone nell’unghia su pezzi di cartone, di nascosto. Nel ghetto di Lotz nel 1943 Isaia Spiegel scriveva nel suo yiddish braccato: "Il mio corpo è un pane/calato in un calice di sangue"

Read more