09August2022

gerenzanoforum.it

La piazza di Gerenzano dal 2002

You are here: Home Immagini Ambiente & territorio La moltiplicazione dei piani
06 November 2013 Written by 

La moltiplicazione dei piani

Settenbre, stagione di funghi. A Gerenzano i palazzi crescono come le mazze di tamburo. Intendiamoci, niente di illegale, le autorizzazioni, i bolli, i timbri e controtimbri ci sono tutti, le varianti sono consentite da queste leggi che ognuno cerca di sfruttare al meglio.


Questa che vi propongo e' la palazzina sorta (come un grosso porcino) al posto dell'osteria del Baraja. E' una delle tante, e' da dieci anni che a Gerenzano si costruisce cosi' e non se ne vede la fine. Colpisce perche' e' talmente consolidata questa pratica che il costruttore non ha nemmeno avuto il pudore di togliere il cartello con il prospetto originario. Se voi osservate il cartello attaccato alle impalcature (foto 1), vi accorgerete che la palazzina doveva essere di tre piani. Se poi guardate la realizzazione scoprirete che c'e' un piano in piu' (foto 2).
Sono i famosi sottotetti abitabili, o qualcosa del genere. In pratica il costruttore compra volumetria per tre piani e ne realizza uno in piu'. Il venditore (gabbato) ha guadagnato almeno il 25% in meno del valore del rustico, il costruttore ha ottenuto, per incanto il 25% in piu' di volumetria pregiata su tutto l'immobile. In soldoni, credo che il bilancio a favore del costruttore sia di alcune centinaia di migliaia di euro (per difetto).
La volumetria complessiva abitabile del territorio di Gerenzano nel frattempo viene incrementata di ugual misura, in barba ai piani regolatori. Mi viene in mente un vecchio musical con Jonny Dorelli "aggiungi un posto a tavola che c'e' un amico in piu' ".
Ora usiamo lo stesso metro (ripeto regolare, ma inopportuno) per la DeAngeli. Quanti milioni di euro in piu' si potranno costruire rispetto ai progetti autorizzati? Quanti amici in piu' avremo alla nostra tavola?
 
GPA



Redazione

GERENZANOFORUM è una piazza virtuale ideata per promuovere il dialogo tra le persone e esporre temi di interesse per i cittadini di Gerenzano.

Website: www.gerenzanoforum.it

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

Perchè noi

  • Novità

  • Ode alla vita

  • Piccola guida

La secchia perduta e ritrovata. La secchia perduta e... 2016-02-20 - Circa un anno fa ho scritto di un ritrovamento a... More detail
La Casa del Popolo di Gerenzano La Casa del Popolo di... 2015-03-23 - Gerenzano, 21 marzo 2015 - Oggi, mia cugina mi... More detail
Il mulino della Girola Il mulino della Giro 2015-01-21 - Gerenzano 20 gennaio 2015 - Dopo aver visto le foto... More detail

Sample photo....Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi
non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde
quando gli chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di
respirare.

Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una
splendida felicità.

Martha Medeiros

Read more

Sample photoErri De Luca: Onore ai poeti che aiutano a vivere -Tratto da “Il Mattino”, 13 settembre 2002

Quando c’è poco tempo e bussano alla porta, battono la città con artiglieria, quando brucia, quando sei solo in un letto d’ospedale, quando arrivi troppo tardi, quando ti mancano le parole e il fiato è corto, allora la poesia, una, prende il tuo posto, prende la tua mano che non ci arriva: e arriva.

Negli assedi, nelle prigioni, nelle cantine su pezzi di carta di fortuna si scrivono poesie. Il partigiano jugoslavo Ante Zemliar ne scriveva durante la guerra in montagna contro i nazifascisti. Le scriveva su quaderno. In sua assenza i compagni la trovarono e con la carta fecero sigarette. Non c’era molto per fumare e Ante sa che anche così le sue poesie hanno avuto respiro. Il partigiano Zemliar dopo la guerra vinta ha fatto cinque anni di prigionia nella colonia penale di Tito, Goli Otok, isola nuda. Anche lì scriveva poesie con un pezzetto di carbone nell’unghia su pezzi di cartone, di nascosto. Nel ghetto di Lotz nel 1943 Isaia Spiegel scriveva nel suo yiddish braccato: "Il mio corpo è un pane/calato in un calice di sangue"

Read more