09August2022

gerenzanoforum.it

La piazza di Gerenzano dal 2002

You are here: Home Immagini Ambiente & territorio Acqua potabile vs. acqua minerale
01 November 2013 Written by 

Acqua potabile vs. acqua minerale

ACQUA POTABILE DEI POZZI DI GERENZANO, ACQUA MINERALE: DOV’E’ LA DIFFERENZA?


L’acqua non è più un bene inesauribile da poter sfruttare a piacimento senza doversi preoccupare di una sua eventuale scarsità. Oggi, con l’enorme espansione edilizia e l’aumento esponenziale del suo consumo, l’acqua è diventata un bene prezioso anche in provincia di Varese.

In Italia si usano circa 980 metri cubi d’acqua annui pro-capite. Siamo i primi consumatori d’acqua in Europa e al terzo posto nel mondo dopo Usa e Canada. Solo il 19% dell’acqua ha fini domestici: la maggior parte viene usata in agricoltura e nel settore industriale. Purtroppo una quantità compresa tra il 30 ed il 50% dell’acqua si perde nel terreno a causa di consistenti perdite delle reti di distribuzione.

Le «acque destinate al consumo umano» sono “le acque trattate o non trattate, destinate ad uso potabile, per la preparazione di cibi e bevande, o per altri usi domestici, a prescindere dalla loro origine, siano esse fornite tramite una rete di distribuzione, mediante cisterne, in bottiglie o in contenitori.”.  Invece le acque minerali naturali sono: “acque che, avendo origine da una falda o giacimento sotterraneo, provengono da una o più sorgenti naturali o perforate e che hanno caratteristiche igieniche particolari e proprietà favorevoli alla salute".

Negli ultimi anni e grazie alla martellante pubblicità, le acque minerali e oligominerali (cioè a basso contenuto di sali minerali) vengono usate come acque da tavola in sostituzione di quella del rubinetto, anche se la maggior parte di tali acque non si distinguono dalle normali acque potabili.

I requisiti di qualità delle acque potabili sono disciplinati dal decreto 31/01 tramite una serie di parametri microbiologici e chimico-fisici  i cui valori non devono superare determinate concentrazioni.

Dal sito della SOGEIVA ho preso le analisi chimico-fisiche delle acque potabili dei quattro pozzi di Gerenzano:MONTEROSA, 1° MAGGIO, MANZONI, ISONZO  e ho confrontato i parametri  dei campionamenti di verifica e di routine dei prelevamenti del 2005 e 2006 con quelli riportati sulle etichette di tre acque minerali ed una oligominerale a larghissima diffusione nazionale. Come si può vedere dalla tabella, non ci sono differenze apprezzabili tra di loro e mostrano che l’ acqua potabile di Gerenzano è ottima e non sfigurerebbe con quelle in bottiglia vendute sui bancali del supermercato.

 
tabella di confronto acqua potabile/minerale

Alla Sogeiva vorrei fare un unico appunto: per favore aggiornate i bollettini delle analisi sul vostro sito, ne guadagnerebbe la vostra immagine.

Ma dunque dov’è la differenza? La differenza sta senza dubbio nel prezzo: un metro cubo di acqua potabile (1000 litri)  a Gerenzano costa in media 20 centesimi di euro mentre una bottiglia di acqua minerale contenente 1,5 litri può costare tra i 20 e i 50 centesimi di euro. E’ facile capire la sproporzione tra i costi:l’ acqua minerale costa mediamente tra 130 e 330 euro al metro cubo, la nostra 20 centesimi di euro! 

A questi vanno poi aggiunti i costi dello smaltimento delle bottiglie vuote. Ogni italiano (e quindi ogni gerenzanese) consuma mediamente 172 litri di acqua minerale in un anno, vuol dire più di 100 bottiglie di plastica e 20 di vetro. A Gerenzano ci sono 10000 abitanti, dunque quasi 1.000.000 di bottiglie di plastica e 200.000 bottiglie di vetro da smaltire ogni anno, Naturalmente i relativi costi li paghiamo noi con la tassa sui rifiuti. Oltre a questo c’è il problema dell’impatto ambientale dovuto al trasporto su gomma delle bottiglie, con spostamenti del tutto irrazionali che portano acque del sud al nord e viceversa. Un camion può trasportare circa 25.000 litri d’acqua minerale quindi sono necessari ogni anno circa 70 viaggi.

Beviamo acqua del rubinetto, è fresca naturalmente e si risparmia.

Pierangelo Gianni   (14 Giugno 2007)



Redazione

GERENZANOFORUM è una piazza virtuale ideata per promuovere il dialogo tra le persone e esporre temi di interesse per i cittadini di Gerenzano.

Website: www.gerenzanoforum.it

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

Perchè noi

  • Novità

  • Ode alla vita

  • Piccola guida

La secchia perduta e ritrovata. La secchia perduta e... 2016-02-20 - Circa un anno fa ho scritto di un ritrovamento a... More detail
La Casa del Popolo di Gerenzano La Casa del Popolo di... 2015-03-23 - Gerenzano, 21 marzo 2015 - Oggi, mia cugina mi... More detail
Il mulino della Girola Il mulino della Giro 2015-01-21 - Gerenzano 20 gennaio 2015 - Dopo aver visto le foto... More detail

Sample photo....Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi
non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde
quando gli chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di
respirare.

Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una
splendida felicità.

Martha Medeiros

Read more

Sample photoErri De Luca: Onore ai poeti che aiutano a vivere -Tratto da “Il Mattino”, 13 settembre 2002

Quando c’è poco tempo e bussano alla porta, battono la città con artiglieria, quando brucia, quando sei solo in un letto d’ospedale, quando arrivi troppo tardi, quando ti mancano le parole e il fiato è corto, allora la poesia, una, prende il tuo posto, prende la tua mano che non ci arriva: e arriva.

Negli assedi, nelle prigioni, nelle cantine su pezzi di carta di fortuna si scrivono poesie. Il partigiano jugoslavo Ante Zemliar ne scriveva durante la guerra in montagna contro i nazifascisti. Le scriveva su quaderno. In sua assenza i compagni la trovarono e con la carta fecero sigarette. Non c’era molto per fumare e Ante sa che anche così le sue poesie hanno avuto respiro. Il partigiano Zemliar dopo la guerra vinta ha fatto cinque anni di prigionia nella colonia penale di Tito, Goli Otok, isola nuda. Anche lì scriveva poesie con un pezzetto di carbone nell’unghia su pezzi di cartone, di nascosto. Nel ghetto di Lotz nel 1943 Isaia Spiegel scriveva nel suo yiddish braccato: "Il mio corpo è un pane/calato in un calice di sangue"

Read more