09August2022

gerenzanoforum.it

La piazza di Gerenzano dal 2002

You are here: Home Immagini Ambiente & territorio Rotonda all'incrocio del Bossi
07 November 2013 Written by 

Rotonda all'incrocio del Bossi

Gerenzano, 22 Ottobre 2003 - Tra i temi trattati al consiglio comunale di qualche settimana fa c’e’ stato quello riguardo la creazione di una rotonda all’incrocio del Bossi. Il progetto credo sia passato all’unanimita’.


Devo dire che questo intervento lo aspettavo da tempo in quanto penso che un semaforo a quell’incrocio non riesca piu’ a gestire il grande traffico della “varesina”. Le code che superano il ponte dell’autostrada sono ormai all’ordine del giorno ed inoltre chi come me, lo affronta in bicicletta, sa bene che quell’incrocio e’ estremamente pericoloso essendo stato anche recentemente teatro di numerosi incidenti, alcuni dei quali mortali.
 
La dimostrazione pratica che una rotonda possa velocizzare i flussi di autoveicoli ci e’ fornita dal Comune di Saronno: da quando non c’e’ piu’ il semaforo a regolare il traffico in Via Volonterio incrocio con Viale Prealpi-Via Pagani-Via Grossi-Via Valletta (giu’ dal ponte del Parma tanto per intenderci) la coda che si formava e che spesso superava il cavalcavia si e’ nettamente ridotta. E’ rimasta la coda in senso di marcia inverso che si crea al semaforo della Renault..
 
Penso che interventi di sistemazione della viabilita’ attraverso la realizzazione di rotonde e piccoli raccordi siano la sola possibilita’ di salvezza per un territorio ormai seriamente compromesso come e’ il nostro.
Spesso il fatto di creare nuove strade non implica necessariamente la diminuzione del traffico nella zona in questione, ma anzi, nuove strade portano nuova residenza o nuova industria creando nuove esigenze di spostamento.
 
Per un paese come Gerenzano, avere una cittadina come Saronno a due passi rappresenta una grande potenzialita’in quanto dispone sul territorio di servizi che un paese come Gerenzano non puo’ permettersi. Di conseguenza, la facilita’ di accesso a Saronno non puo’ che giovare ai nostri interessi.
 
Penso che innanzitutto sia necessario porre fine a costruzioni lungo l’asse della “varesina” per cercare di non creare nuove attrazioni di traffico. Credo altresi’ che un collegamento pedonale e ciclabile (argomento molto gettonato da tutti…solo in campagna elettorale) per tutta la lunghezza della varesina sia indispensabile. Sembra incredibile ai piu’ ma a tutt’oggi c’e’ ancora gente che va a Saronno a piedi. Come ogni razza in via di estinzione va tutelata.La soluzione non e’ poi cosi’ difficile: basta un ciglio stradale un po’ piu’ largo di quello (inesistente) che c’e’ ora per ogni direzione di marcia con corsie preferenziali in prossimita’ di incroci e  attraversamenti protetti (gli unici semafori devono essere quelli per gli attraversamenti ciclo/pedonali).
 Filippo Angaroni



Redazione

GERENZANOFORUM è una piazza virtuale ideata per promuovere il dialogo tra le persone e esporre temi di interesse per i cittadini di Gerenzano.

Website: www.gerenzanoforum.it

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

Perchè noi

  • Novità

  • Ode alla vita

  • Piccola guida

La secchia perduta e ritrovata. La secchia perduta e... 2016-02-20 - Circa un anno fa ho scritto di un ritrovamento a... More detail
La Casa del Popolo di Gerenzano La Casa del Popolo di... 2015-03-23 - Gerenzano, 21 marzo 2015 - Oggi, mia cugina mi... More detail
Il mulino della Girola Il mulino della Giro 2015-01-21 - Gerenzano 20 gennaio 2015 - Dopo aver visto le foto... More detail

Sample photo....Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi
non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde
quando gli chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di
respirare.

Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una
splendida felicità.

Martha Medeiros

Read more

Sample photoErri De Luca: Onore ai poeti che aiutano a vivere -Tratto da “Il Mattino”, 13 settembre 2002

Quando c’è poco tempo e bussano alla porta, battono la città con artiglieria, quando brucia, quando sei solo in un letto d’ospedale, quando arrivi troppo tardi, quando ti mancano le parole e il fiato è corto, allora la poesia, una, prende il tuo posto, prende la tua mano che non ci arriva: e arriva.

Negli assedi, nelle prigioni, nelle cantine su pezzi di carta di fortuna si scrivono poesie. Il partigiano jugoslavo Ante Zemliar ne scriveva durante la guerra in montagna contro i nazifascisti. Le scriveva su quaderno. In sua assenza i compagni la trovarono e con la carta fecero sigarette. Non c’era molto per fumare e Ante sa che anche così le sue poesie hanno avuto respiro. Il partigiano Zemliar dopo la guerra vinta ha fatto cinque anni di prigionia nella colonia penale di Tito, Goli Otok, isola nuda. Anche lì scriveva poesie con un pezzetto di carbone nell’unghia su pezzi di cartone, di nascosto. Nel ghetto di Lotz nel 1943 Isaia Spiegel scriveva nel suo yiddish braccato: "Il mio corpo è un pane/calato in un calice di sangue"

Read more