12November2019

gerenzanoforum.it

La piazza di Gerenzano dal 2002

You are here: Home Immagini Ambiente & territorio Una Carolina di Gerenzano (1957)
08 November 2013 Written by 

Una Carolina di Gerenzano (1957)

Gerenzano, 9 Settembre 2012 - La cartolina che vi propongo è una panoramica di Gerenzano presa dal campanile circa nel 1957.

Vi confesso che ho fatto una certa fatica a riconoscere i luoghi, le case e le strade. La cartolina riprende uno spicchio di Gerenzano verso nord est. A prima vista si riconosce la De Angeli ed il suo camino in lontananza, ma il cortile e le case in primo piano sono irriconoscibili. Poi, scrutandola meglio si riconosce la corte del Prevosto come me la ricordavo da ragazzo, prima che si intervenisse con la sua totale trasformazione.

Stupisce vedere quanto verde esisteva. L'orizzonte è libero e si vedono benissimo le campagne che c'erano in Via Torino e Via Roma e le campagne di Turate. Nel 2004 feci una foto simile dal campanile e, a distanza di circa 50 anni, Gerenzano è irriconoscibile, ma oggi nel 2012 la foto sarebbe ancora diversa con la mole dei palazzi del pratone che occludono la vista verso Turate.

Come si vede dalla cartolina del '57, la corte del Prevosto era cadente e disordinata con ancora le "masere" dal vestito nero. Si vede in Via Torino il primo dei tanti cantieri di villette che si sono susseguiti per decine di anni in quell'area. 

Era un paese contadino che iniziava a trasformarsi e stride l'accostamento della masera che forse stava andando in pollaio ed i cantieri al di là del muro. La cartolina era stata pubblicata dalla privativa e salumeria del sig. Luigi Monza e fu inviata da Franca Tomasini alla Famiglia Uslenghi di Gallarate. Allora i negozi si facevano pubblicità stampando cartoline del paese e qualcuno aveva ancora il desiderio o l'attenzione di salutare gli amici tramite cartolina. Ora si posta una foto su Facebook.

Pier Angelo Gianni



Redazione

GERENZANOFORUM è una piazza virtuale ideata per promuovere il dialogo tra le persone e esporre temi di interesse per i cittadini di Gerenzano.

Website: www.gerenzanoforum.it

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

Perchè noi

  • Novità

  • Ode alla vita

  • Piccola guida

La secchia perduta e ritrovata. La secchia perduta e... 2016-02-20 - Circa un anno fa ho scritto di un ritrovamento a... More detail
La Casa del Popolo di Gerenzano La Casa del Popolo di... 2015-03-23 - Gerenzano, 21 marzo 2015 - Oggi, mia cugina mi... More detail
Il mulino della Girola Il mulino della Giro 2015-01-21 - Gerenzano 20 gennaio 2015 - Dopo aver visto le foto... More detail

Sample photo....Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi
non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde
quando gli chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di
respirare.

Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una
splendida felicità.

Martha Medeiros

Read more

Sample photoErri De Luca: Onore ai poeti che aiutano a vivere -Tratto da “Il Mattino”, 13 settembre 2002

Quando c’è poco tempo e bussano alla porta, battono la città con artiglieria, quando brucia, quando sei solo in un letto d’ospedale, quando arrivi troppo tardi, quando ti mancano le parole e il fiato è corto, allora la poesia, una, prende il tuo posto, prende la tua mano che non ci arriva: e arriva.

Negli assedi, nelle prigioni, nelle cantine su pezzi di carta di fortuna si scrivono poesie. Il partigiano jugoslavo Ante Zemliar ne scriveva durante la guerra in montagna contro i nazifascisti. Le scriveva su quaderno. In sua assenza i compagni la trovarono e con la carta fecero sigarette. Non c’era molto per fumare e Ante sa che anche così le sue poesie hanno avuto respiro. Il partigiano Zemliar dopo la guerra vinta ha fatto cinque anni di prigionia nella colonia penale di Tito, Goli Otok, isola nuda. Anche lì scriveva poesie con un pezzetto di carbone nell’unghia su pezzi di cartone, di nascosto. Nel ghetto di Lotz nel 1943 Isaia Spiegel scriveva nel suo yiddish braccato: "Il mio corpo è un pane/calato in un calice di sangue"

Read more