24April2024

gerenzanoforum.it

La piazza di Gerenzano dal 2002

You are here: Home Storie Anno 1946 a Gerenzano Anno 1946, a Gerenzano - Dialetti proverbiali meteorologici e ambientali

Anno 1946, a Gerenzano - Dialetti proverbiali meteorologici e ambientali

I nostri contadini usano intercalare i loro discorsi, quando parlano della campagna o del cielo, con dei proverbi che sono più o meno sagaci.

Eccone alcuni: La Pifania tutt i fest la porta via. La festa dell'Epifania segna il termine delle festività natalizie. 

Genar pulverent, poca paia e tant furment. Gennaio polveroso dà poca paglia ma molto grano.

Febrar l'è curt ma l'è pegg d'un turc. Per significare che il freddo si fa sentire molto.

Mars fieu d'una baltroca, ura al pieuv, ura al fioca ura al tira vent, ura el fa bel temp. Tanto per alludere all'instabilità del mese.

April gnanca un fil,

magg adagg a dagg,

giugn tut in d'un pugn.

Bisogna essere previdenti nello scoprirsi e i contadini seguono attentamente questi consigli. S'el pioev el di dela sciensa, per quaranta di sem minga sensa. Di solito questo detto si avvera.

Giugn steng el pugn, in temp de segheria nun se dis ne pater ne avemaria. In giugno tanto è il lavoro che non si ha il tempo di pregare.

A san Michel el cald el munta in ciel. Vuol alludere al caldo che sta per finire è infatti settembre.

A santa Teresa se sumena a distesa.

El vegn l'invernu el vegn l'infernu. Infatti per i contadini l'inverno è una stagione morta.